Film

Antonio Monda, direttore della Festa del Cinema di Roma e docente al Film and Television Department della N.Y. University di New York, ha voluto nella selezione ufficiale dell'ultima edizione il film indipendente di Karen Di Porto “Maria per Roma”.

Sold out a tutte le proiezioni del festival, l’opera prima di Karen Di Porto prodotta dal mitico Galliano Juso arriva finalmente nelle sale l’8 giugno.

“Maria per Roma” diretto e interpretato dalla stessa Karen Di Porto è una frenetica ballata metropolitana. Racconta una pazza giornata della vita di Maria, una donna che insegue il sogno ancora irrealizzato di essere attrice ma nel frattempo per vivere lavora in quella che sembra l’unica fonte di sostentamento rimasta a Roma: il turismo. Ne emerge una città cosmopolita e immobile, caotica e solitaria popolata di personaggi buffi e meschini, combattenti e arresi dove l’unica vera certezza della protagonista sembra essere la coprotagonista, il jack russel Bea.

NOTE DI REGIA

L’idea del film è nata alcuni anni fa quando al termine di una giornata terrificante ho visto la possibilità di raccontare Roma attraverso la giornata di un solo personaggio. Attingendo alla mia storia personale ho provato a restituire le contrastanti spinte della città ricordando umori e conflitti, bellezza e fatica, antichità e senso di vuoto, caparbietà e approssimazione.

L’unico modo possibile per raccontare questa storia mi è parso fin dall’inizio quello di costruire il progetto insieme agli amici di sempre, veri protagonisti del mio quotidiano. Attori e non con i quali ho condiviso negli anni sforzi vani, soddisfazioni nascoste, amore per il teatro e divertimento.

La speranza è che questo affresco così personale possa arrivare ai tanti che combattono quotidianamente cercando di superare i limiti ambientali e interni mantenendo sulla vita uno sguardo affettivo.